Irsina

Irsina, antica Montepeloso, è dal 2017 UNO DEI BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA. Ha origini antiche e il suo paesaggio ha fatto innamorare decine di stranieri che l’hanno scelta come loro residenza. Custodisce la scultura attribuita all’artista rinascimentale Mantegna: SANT’EUFEMIA, tesoro di inestimabile valore e rara bellezza. L’antico borgo sorge su una posizione panoramica a circa 550 metri di altezza, tra le valli del Bradano e del Basentello. Le strette viuzze denotano l’antichità della città, i palazzi le donano un aspetto aristocratico, creando un insieme di grande suggestione.

Irsina

COSE DA NON PERDERE

La Cattedrale, distrutta e ricostruita più volte, è stata ricostruita nel XVIII secolo, la sua architettura è insolita, nella parte posteriore ha l’aspetto di una fortezza. L’interno conserva la donazione De Mabilia del 1454, con la statua di sant’Eufemia del Mantegna.
Nella cappella ipogea della chiesa di S. Francesco, nell’omonima piazza, sono presenti affreschi del 1300 con riferimenti alla pittura di Giotto.
Il convento francescano, invece, ospita il Museo civico archeologico Janora, con reperti archeologici che vanno dalla preistoria all’età ellenistica.
Fuori dalle mura c’è un antico acquedotto, i Bottini, con cunicoli sotterranei, che alimentano la fontana esterna dalle dodici bocche.

LE ECCELLENZE GASTRONOMICHE

I prodotti della cucina irsinese sono piatti che si legano alla tradizione contadina. Sono piatti poveri che cambiano in base alle stagioni e che hanno come ingredienti principali i frutti della terra: grano, uova, vino cotto e verdure.
Unici sono i dolci: “i ciamm’llen”, “i mastaccer” e “i pzzitt”, paste dolci col vincotto di fichi. La domenica delle Palme si prepara “a lag’n’ pu mir cutt”, pasta condita con vincotto di fichi e mollica fritta.

Irsina

SERVIZI TURISTICI

EVENTI

La maggior parte degli eventi sono legati a manifestazioni religiose: la festa di Santa Eufemia (16 settembre), la notte dei Sand Rocc (14 agosto) e il Pizzicantò (maggio). Si organizzano, inoltre, i seguenti eventi: La notte romantica dei Borghi più belli d’Italia (giugno), Irsina Arte (aprile e settembre), Borghi dei desideri (10 agosto).

ESCURSIONI

Si possono prevedere più escursioni: la prima, in bici o a cavallo, l’ippovia delle colline materane, tra le valli del Bradano e del Bilioso, nei territori di Grottole, Grassano, Irsina e Tricarico; la seconda al bosco di Verrutoli, a circa 10 km da Irsina, ideale per chi è alla ricerca di sentieri in disuso e per gite fuori porta, perché dotata di area attrezzata per picnic.

ESPERIENZE TURISTICHE

– Visita, presso la Chiesa sconsacrata dell’Annunziata, del museo multimediale della mostra “I tesori del Bradano”, che guida il visitatore alla scoperta della città, con videoproiezioni olografiche e set virtuali;
passeggiate fuori dal centro storico: ai Bottini, alla valle degli orti e ai resti dell’antica abbazia dei monaci della Chaise-Dieu.

Irsina
Irsina
Irsina

FOCUS

3 PROPOPSTE IMPERDIBILI

1. Visita alla Concattedrale di Irsina, per ammirare sant’Eufemia, scultura in pietra attribuita ad Andrea Mantegna del 1454 e la monumentale cripta.
2. Visita alla cripta di san Francesco, affrescata nel 1300.
3. Visita ai Bottini in contrada Fontana, cunicoli sotterranei che incanalano acqua sorgiva e la conducono alla monumentale fontana dalle dodici bocche.

CONTATTI

ASSESSORATO AL TURISMO: tel. 3272024275
ASSOCIAZIONE CTG PLUSOS: tel. 3200608999
COOP. ARENACEA: tel. 3356494861